La nostra scuola

La “Scuola fiorentina di alta formazione per il dialogo interreligioso e interculturale” – Florence School of Dialogue FSD si configura come luogo di alta formazione culturale e professionale per la creazione di una nuova classe dirigente esperta e sensibile ai problemi di dialogo interreligioso e interculturale della società odierna e futura nei suoi vari aspetti.

Si rivolge a leader politici e culturali e operatori dei servizi amministrativi per i cittadini, della sanità e della medicina, agli insegnanti e al mondo dell’educazione, alle forze dell’ordine, polizia, sistema giudiziario e al futuro corpo diplomatico in Italia, Europa e nel mondo.

La Scuola offrirà loro le conoscenze, gli strumenti e la metodologia, per poter diffondere nel servizio pubblico italiano, nei paesi di origine e a livello internazionale il patrimonio di cultura interreligiosa e interculturale acquisito durante la frequentazione dei corsi e la permanenza nella Scuola di dialogo di Firenze.

Il progetto
e il concetto educativo

Nel contesto globale contemporaneo, la “Scuola fiorentina di alta formazione per il dialogo interreligioso e interculturale” FSD si propone di offrire una longlife cultural experience arricchendo la conoscenza del linguaggio religioso e promuovendo il dialogo tra culture e religioni, l’inclusione e l’interazione positiva e cooperativa fra persone appartenenti a differenti tradizioni religiose, e i conseguenti rispetto, valorizzazione e collaborazione interculturali.
La natura interdisciplinare ed inclusiva dei temi che la Scuola affronta e sviluppa attinge sia da scienze religiose sia da discipline umanistiche e socio-psicologiche, che costituiscono il primo degli aspetti innovativi di questo progetto. La Scuola mira a offrire una conoscenza base del pensiero, della storia e delle pratiche delle grandi religioni con approfondimenti sull’antropologia e concetti di sociologia inclusiva. Tutto questo si realizza attraverso l’uso di un insegnamento esperienziale e l’utilizzo di tecniche di dialogo e gestione dei conflitti che stimolano una crescita personale.
Il secondo aspetto innovativo è la natura trasversale della formazione. Essa, difatti, è adatta e utile a ogni tipo di professionista che lavora a contatto con il pubblico, mentre le sue metodologie possono essere adattabili a settori più specifici, divisibili ad esempio per categorie (amministrazione pubblica, medici, insegnanti, giornalisti ecc).

Elemento essenziale di innovazione è anche il coinvolgimento di leader religiosi con una lunga e provata esperienza nel campo del dialogo interreligioso. Il progetto aiuta a capire la religione in una dimensione che non è solo un fine e un valore in se stessa o addirittura generatrice di conflitti, bensì di utilità per l’uomo e la società umana nella sua globalità, ponendola nella sua prospettiva originaria di promotrice di opportunità, di crescita personale, empatia e collante di inclusione sociale, una rivelazione che mira a offrire strumenti e occasioni per la crescita dell’uomo e della società umana.


Metodologie

Il progetto è supportato da una metodologia didattica partecipativa (case studies, role playing, scambio di esperienze, lavoro personale e sviluppo di self consciousness) che ha come obiettivo finale non solo l’acquisizione di conoscenze ma anche lo sviluppo di capacità auto-riflessive di crescita personale e flessibilità ideologica che orientino verso un cambiamento di atteggiamento, stimolando empatia verso le credenze e le esperienze culturali dell’altro.

Fondo bibliotecario

In questa prospettiva innovativa, la Scuola sta lavorando a un progetto per la creazione di un fondo bibliotecario specializzato denominato “La biblioteca futura per lo studio e il dialogo interreligioso”, centrata sul rapporto dell’uomo con le rivelazioni e la religione e sulla storia delle religioni in una prospettiva antropologica comparativa.

Partners


Comune di Firenze
www.comune.fi.it

Regione Toscana
www.regione.toscana.it

Istituto Sangalli per la storia e le culture religiose
www.istitutosangalli.it

Istituto Universitario Europeo
www.eui.eu

I Ricostruttori
www.iricostruttori.org

Ordine dei Giornalisti della Toscana
www.odg.toscana.it

Gruppo Cadini srl
www.cadinigroup.com

Lega Islamica Mondiale
www.en.themwl.org

La Scuola fiorentina per l'educazione al dialogo interreligioso e interculturale
è sostenuta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e donatori privati.



Consiglio
direttivo

Rav Joseph Levi
PRESIDENTE
Rabbino, Psicologo, Studioso del pensiero ebraico. Laureato in Filosofia, Psicologia clinica e cognitiva, Specializzato in studi rabbinici e pensiero ebraico del Rinascimento, in particolare su Scienza e Kabbalah con Eugenio Garin (SNS) e Moshe Idel (Università Ebraica di Gerusalemme), Rabbino capo di Firenze (1996-2017). Docente di Filosofia ebraica del Rinascimento all'Università Ebraica di Gerusalemme, Centro di Studi sul Rinascimento (Université de Tour) e Università di Siena. Dal 2006 insegna Pensiero ebraico e Storia della liturgia ebraica al Centro Bea di Studi Giudaici della Pontificia Università Gregoriana di Roma. Attivo nel campo psicoterapeutico e del dialogo interreligioso. Presidente della Scuola fiorentina per l'educazione al dialogo interreligioso e interculturale (FSD), e Direttore dello Shemà, Scuola di studi e cultura ebraica M. Levinas, Firenze.
Imam Izzeddin Elzir
VICEPRESIDENTE
Izzeddin Elzir dal 2010 è il presidente di UCOII - Unione delle Comunità Islamiche in Italia, l'organizzazione più rappresentativa della comunità musulmana a livello nazionale. È stato uno dei fondatori della Comunità islamica toscana, responsabile della politica culturale fino al 2001 e poi presidente dal 2001. È membro del Consiglio Stranieri della Municipalità di Firenze e Imam (ministro islamico) di Firenze dal 2001. Dal 2001 ha iniziato a operare come ministro islamico anche nel Carcere di Sollicciano. Ha 5 anni di esperienza nella formazione di personale e funzionari penitenziari (Scuola Nazionale di Pubblica Amministrazione - SNA IT) sulla pratica religiosa islamica, sui comportamenti e sugli aspetti influenti dei ministri di culto islamici. Izzeddin Elzir è membro del comitato scientifico di Synaxis Foundation. Da quando ha iniziato la sua attività come Imam, ha svolto un'intensa attività nel dialogo interreligioso e interculturale a livello locale, nazionale ed europeo.
Mons. Andrea Bellandi
VICEPRESIDENTE
Mons. Andrea Bellandi, nato a Firenze nel 1960 e sacerdote diocesano dal 1985, dopo gli studi nel Seminario Arcivescovile fiorentino ha frequentato la Pontificia Università Gregoriana laureandosi in teologia nel 1993 con una tesi diretta da Mons. Rino Fisichella dal titolo “Fede come stare e comprendere. La giustificazione dei fondamenti della fede nelle opere di J. Ratzinger”. Sempre sul pensiero del futuro Pontefice ha inoltre pubblicato diversi articoli su varie riviste. Docente di “Introduzione alla Teologia e Teologia Fondamentale” dal 1987 – nello Studio Teologico Fiorentino, eretto nel 1997 come Facoltà Teologica dell’Italia Centrale – attualmente è professore stabile ordinario in questa Facoltà teologica, di cui è stato Preside dal 2003 al 2009. Dal 2010 Canonico della Cattedrale Metropolitana fiorentina e Delegato Arcivescovile per la formazione del clero della stessa diocesi. Da settembre 2014 Vicario Generale della Diocesi di Firenze.
Osama Rashid
Segretario generale
Osama Rashid, nato in Iraq, si laurea nel 1977 alla facoltà di Architettura dell'Università di Firenze. A capo della società Cadini Group dal 1983, ha intrapreso molti progetti di cooperazione internazionale. Sin dal 2015 è il coordinatore dell'ufficio tecnico dell'Unione delle Comunità islamiche d'Italia e in quanto membro di spicco della comunità islamica italiana ha intrapreso il progetto della Scuola fiorentina di dialogo con grande fiducia. Oggi ne è il Segretario Generale. Nel 2013 ha ricevuto dal Presidente della Repubblica Italiana la nomina a Cavaliere al merito della Repubblica. Sin dal 2014 Osama Rashid è Vicepresidente della Camera di Cooperazione Italo-Araba.
Mohamed Bamoshmoosh
CONSIGLIERE
Mohamed Bamoshmoosh è professore associato presso la University of Science and Technology dello Yemen e professore a contratto presso l'Università di Firenze dove si è laureato in Medicina e Chirurgia e specializzato in Cardiologia. E' stato per circa dieci anni ricercato presso l'Istituto di Fisiologia Clinica del Consiglio Nazionale delle Ricerche italiano. Lavora come cardiologo libero professionista a Firenze. Dal 2015 è responsabile della sezione Toscana di SICOA (Società Italiana di Cardiologia Ospedaliera Accreditata) e dal 2014 è segretario di un gruppo di lavoro della Società Europea di Ipertensione sui fattori di rischio cardiovascolare nelle popolazioni immigrate. E' stato uno dei fondatori della comunità islamica toscana e ne è il responsabile del dialogo interculturale ed interreligioso. La sua attività di ricerca riguarda le problematiche dei giovani delle minoranze etniche in Italia.
Giuseppe Nathan
TESORIERE
Dottore Commercialista e Consulente del Tribunale di Firenze, dal 2004, Giuseppe Nathan ha conseguito la Laurea presso l’Università degli studi di Perugia nel 1999. Iscritto all’albo di Revisori Contabili, ha svolto più volte la carica di consulente tecnico di parte in ambito giudiziale relativamente a controversie di natura societaria. È stato più volte incaricato dal Tribunale di Firenze quale Consulente Tecnico d’Ufficio per la valutazione di aziende e quote di partecipazione in società di capitale.
Giulio Conticelli
AVVOCATO
Avvocato del Foro di Firenze Patrocinante dinanzi alle Giurisdizioni Superiori, ha compiuto gli studi giuridici all’Università degli Studi di Firenze e alla Pontificia Università Lateranense. Storico del diritto con attività di ricerca e di docenza dal 1977 al 2013 nel Dipartimento di Teoria e Storia del Diritto della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Firenze. È autore di pubblicazioni sulla storia costituzionale italiana e sulla storia di Firenze nel Novecento. Vice Presidente della Fondazione Giorgio La Pira e Commissario Ministeriale per l’Edizione Nazionale delle Opere di Giorgio La Pira. Vice Presidente della Federazione delle Amicizie Ebraico Cristiane in Italia e membro della redazione di «AEC - Bollettino dell’Amicizia Ebraico Cristiana». Consigliere Direttivo dell’Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell'Età contemporanea.
Giorgio Ungar
COMMERCIALISTA
Nato a Firenze nel 1966, si è laureato in Economia e Commercio a Firenze nel 1993, anno in cui si è iscritto all'albo dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Firenze. Dal 1999 è iscritto all'albo dei Revisori Contabili. Svolge la sua attività di consulenza societaria e tributaria e collabora con importanti realtà del terzo settore toscano e fiorentino.

Il team

Giulia Boldrini

E-MAIL
g.boldrini@fsdii.org
Giacomo Mininni

E-MAIL
g.mininni@fsdii.org
Omar Rashid

E-MAIL
omar@fsdii.org

Commissione accademica



Joseph Levi | FSD e Centro "Cardinal Bea" per gli Studi Giudaici PUG
Andrea Bellandi | Vicario Generale dell’Arcidiocesi di Firenze, FSD
Izzeddin Elzir | Imam di Firenze, FSD e consigliere dell’Unione della Comunità Islamiche d’Italia
Mohamed Bamoshmoosh | FSD

Saywan Barzani | Ambasciatore iracheno
Barbara Carrai | 4Change
Pasquale Ferrara | Ambasciatore italiano in Algeria
Massimo Carlo Giannini | Istituto Sangalli
Maurizio Sangalli | Istituto Sangalli
Andrea Simoncini | Università di Firenze
Marco Ventura | Università di Siena
Joseph Weiler | New York University (NYU), già Presidente dell’Istituto Universitario Europeo.